DICEMBRE


Si viaggia per tornare a capire cosa significhi la parola umiltà. Viaggiare è fare esperienza di non consistere più in se stessi, è uccidere la certezza.
Si viaggia per imparare a morire.
Ecco cosa il viaggio mi dice di essere: nuovo, ampio, una porta di legno pronta a far entrare chiunque lo desideri.
È già arrivato dicembre, il mese della riflessione, dei conti e delle fila da tirare, l’ultimo spazio annuo per ritrovare se stessi, per tornare umili. Direi che sia il mese adatto per viaggiare, per imparare a perdonarsi.
Il treno riparte lento e si avvicina al confine, si lascia indietro una storia d’amore infinita e scivola sui binari con la decisione di un cavaliere in duello.
Quanti duelli dentro me vengono disputati a mia insaputa?
Dicembre è il mese della tregua, della pace interiore, del racconto breve di un lungo anno.
Sulla via del confine vedo un grande mondo e un piccolo me perché grande deve essere l’ascolto e il silenzio attento, mentre piccolo l’imporsi della parola.
È dicembre,
mi oppongo al rumore,
lascio che il tempo soccorra
e comincio a respirare una sana umiliazione,
quella che abbandona l’ego e il centro aprendosi finalmente all’essere, al fuoriporta.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...